Correzione dell’Astigmatismo

L’Occhio Astigmatico

  • Correzione tempiale (occhiali)

    L’astigmatismo può essere corretto con l’uso di lenti oftalmiche cilindriche (o toriche) positive o negative a seconda del tipo di ametropia. La correzione dell’astigmatismo elimina lo sfocamento ma crea delle distorsioni in quanto l’ ingrandimento o il rimpicciolimento delle immagini prodotto dalle lenti cilindriche non è uguale su tutti i meridiani. Questo effetto risulta più accentuato quanto più è elevato l’ astigmatismo provocando notevoli disturbi. Il problema fondamentale nella correzione dell’astigmatismo è dunque quello di trovare il giusto equilibrio fra esigenze visive e sensibilità del paziente. Il bambino mostra nei confronti delle lenti cilindriche una tolleranza molto più forte di quella dell’adulto arrivando a sopportare anche correzioni cilindriche iniziali di 4 D. Nell’ adulto affetto da astigmatismo di grado elevato, non abituato a portare una correzione ottica, si comincia con la prescrizione di una correzione opportunamente ridotta che verrà gradualmente aumentata man mano che la tolleranza aumenta.

  • Lenti a contatto

    I fenomeni di distorsione possono essere ridotti tenendo le lenti cilindriche il più vicino possibile all’occhio. In questo caso, e quindi soprattutto quando l’astigmatismo è di grado elevato, la correzione con lenti a contatto è fortemente consigliata. Grazie alla ricerca ad oggi sono disponibili sul mercato lenti a contatto toriche con gli stessi materiali utilizzati per quelle sferiche, disponibili nelle versioni:

    • Giornaliera monouso
    • Bisettimanale
    • Mensile
    • Multifocale

    Questo ha dato vita a una vasta gamma di lenti toriche gas permeabili e morbide. Le lenti toriche, dovendo allineare due curvature diverse sulla stessa cornea, necessitano di stabilità. Per questo motivo sono ideate per rimanere stabili grazie ad un meccanismo progettato per evitare le rotazioni e gli spostamenti.

  • Laser e Chirurgia

    Per correggere un astigmatismo il laser deve lavorare principalmente su un meridiano della cornea per aumentarne (nel caso di un astigmatismo ipermetropico) o diminuirne (nel caso di un astigmatismo miopico) la curvatura portandolo alla stessa curvatura dell’altro meridiano. Le tecniche chirurgiche sono fondamentalmente le stesse della miopia e dell’ipermetropia:

    • PRK (di superficie)
    • Femtolasik (intrastromale): Il recupero post operatorio della tecnica femtolasik è più rapido e meno doloroso rispetto alla PRK.

    Oltre alle operazioni con le tecniche Prk e Lasik, fino a poco tempo fa è stata utilizzata anche la cheratotomia astigmatica, evoluzione della cheratotomia radiale, che prevede l’esecuzione con bisturi di diamante di alcune incisioni sulla zona più periferica della cornea. Oggi questa tecnica è stata ripresa con il laser a femtosecondi con ovvia riduzione delle possibili problematiche intraoperatorie.

  • Difetti di Vista

    I Principali Difetti Visivi

    presbite

    MIOPIA: il paziente vede bene vicino e a distanza sempre più ridotta, quanto maggiore è il difetto.

    IPERMETROPIA: se il difetto non è troppo elevato il soggetto vede bene lontano e vicino nella prima parte della vita ma con sforzo.

    ASTIGMATISMO: visione sfocata e distorta a tutte le distanze

    PRESBIOPIA: dalla mezza età in avanti il paziente ha difficoltà a vedere vicino.

    Continua a leggere…

Richiedi un’esame approfondito della tua vista!