Lo Strabismo e la Diplopia

Per diplopia si intende la visione doppia, in senso orizzontale o verticale, di uno stesso oggetto, può riguardare un solo occhio oppure entrambi e può essere transitoria o permanente. Le immagini provenienti dall’esterno cadono normalmente su punti retinici definiti corrispondenti dei due occhi. Si chiamano così perché ricevono i raggi luminosi dallo stesso punto dello spazio. Le immagini che si formano sulla retina non sono proprio uguali, dal momento che vengono percepite dai due occhi da posizioni leggermente differenti, ma se non sono troppo diverse la corteccia visiva riesce ad integrarle, e la sensazione è di ricevere una immagine stereoscopica, immagine che garantisce il senso della profondità.

Il meccanismo di fusione permette di far convergere gli occhi sui punti esterni di interesse e quindi tramite complicati processi neurologici la corteccia visiva integra le due immagini dei due occhi in una.

Se il meccanismo di fusione viene a mancare, per difetti neurologici o muscolari, la corteccia visiva percepirà due immagini. In alcuni casi, come nei bambini, una delle due immagini viene ignorata, con il meccanismo definito soppressione, che consente al cervello di evitare la confusione indetta dalla diplopia.
E’ un sintomo piuttosto fastidioso poiché rende difficoltoso lo svolgimento delle azioni quotidiane come la guida, la lettura o la deambulazione.
La diplopia può essere monoculare (persiste anche se si chiude un occhio) o binoculare (scompare quando si chiude un occhio) ed è causata da fattori differenti.

1. Diplopia monoculare

E’ una condizione piuttosto rara ed è quasi sempre dipendente da anomalie dell’occhio stesso come:

    • irregolarità della cornea,
    • difetti refrattivi,
    • opacizzazione del cristallino (cataratta),
    • alterazioni retiniche.

In questo caso un’accurata visita oculistica è sufficiente per chiarire il problema.

2. Diplopia binoculare

La diplopia binoculare rappresenta il sintomo principale di una paralisi oculare che compare solo quando la visione binoculare è completamente sviluppata. Pertanto più il paziente è giovane e meno probabile è la comparsa di diplopia. L’anomalia motoria in questo caso prende il nome di strabismo incomitante in quanto l’ampiezza della deviazione oculare varia con il movimento degli occhi.
La diplopia può essere orizzontale (fig. 1) o verticale (fig. 2) a seconda della sede della lesione.

CAUSE

Generalmente le cause possono essere:

  • traumatiche;
  • secondarie a edema della papilla, presente ad esempio nel coma cerebrale;
  • secondarie a neuropatie come ad esempio nella sclerosi multipla.

In ogni caso le cause di questi strabismi incomitanti (e quindi della diplopia) sono molteplici e possono essere distinte in base alla loro patogenesi (tab. 1) o in base alla sede della lesione (tab. 2).

Schermata 2016-06-23 alle 12.38.48

Schermata 2016-06-23 alle 12.38.57

Spesso è proprio l’oculista stesso che consiglia una visita di approfondimento presso altri specialisti come il neurologo e l’internista che possono risalire alla causa primaria dello strabismo.
E’ però l’oculista che, grazie anche all’aiuto dell’ortottista, riesce, mediante vari test non invasivi, ad effettuare un bilancio senso-motorio, al fine di programmare un percorso diagnostico e terapeutico ad hoc per il paziente.

Esami e Diagnosi

Cover test (CT)

Il primo test da effettuare è il Cover Test poichè è discriminante per la presenza o meno di uno strabismo, sia esso orizzontale o verticale, e avere un’idea primitiva del muscolo deficitario. Successivamente si procede con altri test come ad esempio il Test del vetro rosso (VRC).

Terapie

Trattamento della Diplopia

La tipologia di trattamento deve essere valutata caso per caso in quanto la sintomatologia della diplopia si modifica sostanzialmente con il passare del tempo fino a (in alcuni casi) a regredire completamente.

I nostri studi oculistici

Studio Oculistico Torino

Fax: 011.50.64.009

Tel: 011.56.28.775 - 349.55.36.010

luigi.emanuelli.oculista@gmail.com

Corso Duca Degli Abruzzi, 35 - 10129 Torino

Studio Oculistico Ciriè

Fax: 011.50.64.009

Tel: 011.56.28.775 - 349.55.36.010

luigi.emanuelli.oculista@gmail.com

Corso Martiri Della Libertà, 7 - 10073 Ciriè

Studio Oculistico Milano

Fax: 011.50.64.009

Tel: 011.56.28.775 - 349.55.36.010

luigi.emanuelli.oculista@gmail.com

Centro BlueEye, Piazza Fontana 6 - 20122 Milano

Contattaci per la tua visita